“Progetto DEMOSTENE” una nuova Associazione operante ufficialmente dal Giugno 1998 per merito di persone che hanno vissuto,  o che vivono sulla propria pelle il problema balbuzie.
Gli associati  desiderano far conoscere i meandri della patologia, offrire aiuto a chi ne è affetto, informare, sensibilizzare e proiettare l’individuo oltre il confine balbuzie, così come fece il grande Demostene circa duemila e trecento anni fa nella città di Atene.
Il Grido di Demostene, che qui viene lanciato, intende promuovere a livello nazionale la conoscenza del problema balbuzie, offrire alla persona che balbetta un posto specifico ove affrontarSi,   per poi affrontare la vita.
Il nostro progetto desidera dare coraggio all’Essere che cerca risposte, per non sentirsi schiacciato dal senso di oppressione e di solitudine.  Infine cerca di mobilitare la famiglie affinché non si adagino  in  un  sentimento  inutile di rassegnazione  e  passività,   che potrebbe  trasformarsi  in una   forma d’intrappolamento pericolosa per quella persona che, come tutti,  desidera tuffarsi nel gioco dinamico della vita.
Il sintomo balbuzie nella sua complessità e profondità è la risultanza di tante variabili: inconsce,  culturali, sociali, foniche, genetiche, educative ecc..  Meno si affronta tale complessità e maggiore sarà il senso di ottundimento che oscura ogni via d’uscita.

Progetto DEMOSTENE desidera travalicare le Colonne D’Ercole, desidera spingersi oltre i tabù e le remore, e far capire che la persona che balbetta è un essere come tutti, e in quanto tale egli ha bisogno essenzialmente di trovare la forza per ritrovarsi assieme agli altri senza vergogna alcuna.   

Demostene, vissuto attorno il 300 a.c., era l’oratore per eccellenza, ormai entrato nella leggenda popolare, del quale si racconta che riuscì ad eliminare il suo disturbo ricorrendo ai famosi sassolini che metteva in bocca per esercitare l’apparato pneumofonico.
In realtà Demostene, rimasto orfano all’età di sette anni, si vide derubare dai suoi tutori l’eredità paterna. Da giovanissimo,  spinto dall’ardor di vendetta, studiò oratoria formandosi presso la scuola di Iseo e successivamente ebbe modo di rivalersi contro i suoi stessi truffatori grazie all’uso della parola, il cui esercizio avrebbe ben presto sconvolto l’assetto politico della città di Atene.
Demostene, da giovanissimo, dovette imparare a difendersi da coloro che volevano sottrargli i suoi beni. Il futuro oratore cominciò ben presto  a potenziare la sua dialettica,  che diventerà l’espressione del suo estro e della sua originalità.
La parola di Demostene divenne un punto d’equilibrio che offriva stabilità nel mondo ellenistico. In Demostene si ritrova la voglia di Essere, la trasparenza e un linguaggio che congiunge il mondo interno col mondo esterno.
Il messaggio umano di Demostene, espresso dalle sue opere, era reale, chiaro, denso, drammatico e positivo, così come oggi lo si ritrova nel messaggio di “Progetto DEMOSTENE”.

Sulla scia della personalità del grande oratore,  si sviluppa l’associazione “Progetto DEMOSTENE”, che vuole dare dignità e coraggio alla persona che non trova la sua giusta dimensione attraverso un linguaggio inceppato.
In un linguaggio inceppato,  si ritrova una personalità bloccata che non riesce a spiccare il volo verso il suo Dover Essere, che ne fa un uomo libero.
La balbuzie non è solo disturbo motorio come comunemente si crede, ma è un disturbo del comportamento, della vita psicologica e della vita sociale, ed è per questo motivo che l’Associazione Nazionale Demostene si sta battendo per travalicare preconcetti socio-culturali.

“Progetto DEMOSTENE” nasce dal vuoto delle Istituzioni che purtroppo si è creato attorno a questo sintomo così complesso, e inoltre si sviluppa dalla disinformazione scolastica, dai tabù sociali, dalle remore di operatori sanitari e scolastici,  e dal senso di frustrazione delle famiglie che spesso non sanno come affrontare tale problema.
Negli altri Stati come in:  Francia ,  Inghilterra ,  Germania ,  America ,  Canada  e Giappone, esistono associazioni che  promuovono  l’interazione  tra i  professionisti del settore, offrono servizi specifici per chi balbetta, e danno la giusta dignità a questo problema che, per la sua particolarità e spessore, richiede una continua disamina,  che non sia il prodotto di congetture puramente commerciali, o espressione di terapie che nascono dall’improvvisazione, spesso elaborate da personale senza titoli accademici.

Per chi aderisce a Progetto Demostene si richiede:
Coraggio
Motivazione (voglia di Cambiamento)
Desiderio di Essere.

Al resto ci pensiamo noi !!!!

DIRETTIVO DELL'ASSOCIAZIONE
Mauro Scipioni Bertoli
Fulvia Patrini
Emilia Costi
Padre Achille Caccia
Nicola Pirovano
Anna Nozzi Biella
Domenico Sorrenti